Il gruppo T.O.K. ha origine nei primi anni '90. Il nome originariamente stava a significare "Touch Of Klass", ma successivamente l’acronimo fu utilizzato anche come "Taking Over Kingston", "Too Klaat", "Tribe Of Kings" e "Theory Of Knowledge".

Sembra incredibile come, inizialmente, il gruppo cercasse di trarre ispirazione dai Boyz II Men (gruppo soul/r&b statunitense), ma fu proprio così che iniziò la loro carriera musicale.

Alistaire McCalla (Alexx) e Xavier Davidson (Flexx) erano già buoni amici da molto piccoli, mentre Craig Thompson (Craigy-T) e Roshaun Clarke (Bay-C) divennero loro compagni nel coro scolastico. Intorno al ’93, dopo un lungo periodo di feste scolastiche ed eventi organizzati dagli alberghi locali durante i quali i quattro ragazzi si esibivano in cover di pezzi r'n'b, arrivarono inaspettatamente secondi alla competizione annuale Tastee Talent. La loro esibizione fu vista di buon occhio dal produttore Stephen Craig della Nuff Records che gli propose di cantare su alcune basi di sua produzione.

Fu così che iniziarono a prendere lezioni di canto dalla nota insegnante giamaicana Georgia Guerra e, nel 1996, firmarono un contratto con la Taxi di Sly Dunbar e Robbie Shakespeare con la quale lanciarono il loro primo singolo, "Hit Them High", che però non ebbe grandissimo successo.

Durante quello stesso anno la loro strada si incrociò con quella di Richard 'Shams' Brown in procinto, in quel periodo, di fondare la sua etichetta (High Profile) con la quale firmarono subito un contratto e per la quale uscirono due singoli: "Send Them Come" e "Hardcore Lover" con Lady Saw (remake della hit "Part Time Lover" di Stevie Wonder). Il brano, che fece letteralmente impazzire il pubblico scalando le vette di ogni classifica giamaicana, gli permise di guadagnarsi un contratto con la nota VP Records e seppure la High Profile non fosse durata poi più di tanto, Richard restò come loro manager e spesso e volentieri gli fece da produttore per alcuni lavori.

Sebbene i ragazzi conservassero un modo di cantare armonico e melodico, il loro stile si stava lentamente trasformando: stavano acquisendo pian piano quelle sonorità dancehall che poi, nel tempo, sarebbero diventate più potenti e di maggiore impatto. Lanciarono una serie di singoli tra cui "Whoa" e "Ill Nana" che ottennero ottimi risultati in classifica, influenzati sia dai suoni giamaicani che dall’hip hop di MTV, ricevendo una risposta molto positiva dal pubblico.

Siamo nel 1998, anno in cui "Eagles Cry" (un tributo al brano di Prince "When Doves Cry") si guadagna la pole position in varie classifiche. Il brano fu seguito immediatamente da "Chi Chi Man" sul Sashi riddim creato da Tony 'CD' Kelly, che fu però preso di mira dalla campagna Stop Murder Music nata per contrastare gli artisti caraibici, in particolar modo i giamaicani, che esprimevano violenza con liriche estremamente omofobe e violente.

Nel 2001 esce "My Crew, My Dawgs", una raccolta di hit prodotta dalla loro etichetta personale XCAR Label. L'album si fece largo velocemente sul mercato americano arrivando ai primi posti nella Top 10 Reggae Album Chart di Billboard, guadagnandosi addirittura il disco di platino in Giappone.

Quello stesso anno i T.O.K. apparvero in Advance Warning su MTV, e riscossero ulteriore successo con il singolo "Gal You A Lead", il cui video fu selezionato per il New Faces of MTV2 e menzionato sulla rivista americana Blender tra le migliori canzoni del 2004. Il singolo, prodotto da Bobby Konders, arrivò alla ottantacinquesima posizione della classifica Billboard Hot 100.

Il loro secondo album "Unkonwn Language", del 2005, li portò in tour per ben due anni e conteneva una serie di brani che furono molto importanti per il gruppo: "Footprints" raggiunse la novantatreesima posizione della Billboard Chart, e la collaborazione con Pitbull "She’s Hot" divenne una hit internazionale che ottenne tantissimo successo a livello commerciale. Altri importanti brani del disco furono "Hey Ladies", "Solid As A Rock", "Fire Fire" e "Gigi Winer".

Nel 2007 arrivarono altre due hit, "Guardian Angel" e "No Man": la prima si posizionò prima nelle classifiche reggae di New York, della Florida e in quella Giamaicana.

Anche il 2008 vide nasacere tantissimi nuovi singoli, tra cui "Unbelievable", "Hotta Vybez Medley", "Raindrops Medley", "Supermodel" e uscì anche il video di "No Man".

Nell'Agosto del 2009 uscì il loro terzo album "Our World", che vanta collaborazioni del calibro di Beenie Man e Kelly Price. In quello stesso anno, visto che il gruppo si era precedentemente rifiutato di firmare il Reggae Compassionate Act (accordo secondo il quale gli artisti si impegnano a non cantare brani con liriche offensive o violente nei confronti degli omosessuali), i quattro scrivono e firmano il loro accordo personale (il T.O.K. Compassionate Act), prima di esibirsi in uno show a Zurigo. Il contratto recitava testualmente "Rispettiamo e sosteniamo i diritti di tutti gli individui. Che essi possano vivere senza la paura di essere disprezzati o di essere sottoposti ad atti di violenza causati dalla loro religione, orientamento sessuale, razza, etnia, o genere".

Negli anni a venire i T.O.K. si esibirono in tantissimi paesi come Russia, Zimbabwe, Nicaragua, Sicilia, Israele, Repubblica Ceca, Ungheria, Kenia, Tanzania e Uganda.

Nel 2011 si iniziò a vociferare di una possibile scissione tra i membri del gruppo, notizia che fu poi smentita dall'uscita del singolo "Yardie" in occasione del cinquantesimo anniversario di indipendenza della Giamaica. Il gruppo si esibì alla National Arena durante il National Grand Gala (tenutosi in occasione della celebrazione).

"All’epoca stavamo promuovendo 'Yardie', per cui indossavamo i colori giamaicani ogni volta che ci esibivamo in Europa. Quello fu anche l'anno delle Olimpiadi per cui i nostri show ebbero molto impatto perchè stavamo promuovendo non solo il gruppo T.O.K., ma l'intera Giamaica in quanto paese e il folklore in quanto cultura" spiega Craigy T.

Nel 2012 il gruppo sentì di dover chiudere il capitolo con la VP Records durato dieci anni. Si esibì in Israele in un importante show chiamato Reggae In The Desert dove fu girato anche il video di "The Voice", brano di punta del quarto album "4Ever". L'album, prodotto interamente dall'etichetta del gruppo, contiene anche collaborazioni con altri produttori come Washroom Entertainment, Bombrush Records, Chimney Records, Romeich Records, Stephen 'Di Genius' McGregor, Stainless Records, Star Player e Code Red Records. Tra i featuring Busy Signal e Serani.

"Questo album serve a dare conferma della solidità del nostro gruppo e di quanto possa rimanere per noi un punto di forza, senza considerare la direzione presa dalle vendite. Il disco è il mix perfetto tra suoni dalle tonalità positive e i vari messaggi che vogliamo comunicare", affermano.

Nel 2013 uscirono "Bubble Up", "Get Mad", "Good To Stay", produzioni come "Dutty Heart" per Seanizzle Records ed altre con diversi produttori tra cui Stephen 'Di Genius' McGregor, Donovan Germain e molte new entry del settore come Frass Twins, Music Factory e Mad Syantis.

Collaborano con Major Lazer nel singolo "Shell It Down", brano dal sapore festaiolo che incorpora anche l'innovativo genere EDM.

Nel luglio 2014 CVM TV proietta il loro reality show mentre l'anno successivo esce "Taking Over", un EP di tre tracce prodotto dalla Therapist Music.

Nell'Ottobre 2015 Flexx decide di proseguire la carriera solista, costringendo purtroppo il gruppo a sciogliersi.

I T.O.K., che rappresentano una pietra miliare della dancehall "moderna", hanno lasciato un segno indelebile con i loro brani che tutt'oggi vengono suonati e ballati durante gli eventi e gli show di tutto il mondo.