Ranaldo 'Rumblood' Evans, Andre 'Suku' Grey, Mark 'Mean Dog' Henry e Kunley McCarthy sono originariamente un gruppo di quattro deejay, scrittori e produttori che, dal 1998, danno vita al gruppo dei Ward 21. Non è un caso se il quartetto, considerato tra i gruppi più stravaganti, abbia lo stesso nome della guardia psichiatrica dello University College Hospital di Kingston, Giamaica.

I quattro ragazzi si avvicinano alla musica come tanti altri artisti giamaicani, ovvero bazzicando alle feste e stando in contatto con i vari sound system della lora comunità. La loro fortuna è stata quella di iniziare a collaborare, nel 1998, con uno dei più influenti e innovativi produttori giamaicani, King Jammy, nel suo leggendario studio di St. Lucia Avenue a Waterhouse, luogo in cui i Ward si sono formati e sono cresciuti artisticamente.

Mark 'Mean Dog' e Christopher (il figlio di Jammy) presentarono Andre 'Suku' a King, il quale subito intravide un grosso potenziale nel ragazzo e lo assunse come ingegnere di registrazione nel suo studio.

Dopo poco Suku creò il Badda Badda, un riddim coinvolgente e nuovo, che subito schizzò in cima a tutte le classifiche sia in terra giamaicana che straniera.

Sulla scia di questo successo, creò, in breve tempo, il Da Joint, il Bellyas, il Punanny e il Volume riddim, che con delle innovative sonorità sperimentali portarono nella musica giamaicana una nuova corrente. Non trascorse infatti molto tempo ed il pubblico iniziò a rendersi conto di questi cambiamenti, apprezzandoli appieno.

Ranaldo 'Rumblood' Evans era un componente del gruppo di giovani artisti Ashe. Questo ruolo da performer però durò poco, perchè anche lui fu reclutato nello squadrone di collaboratori del King Jammy Studio nel quale fu assunto come addetto al taglio dei dub.

Kunley McCarthy ebbe una serie di lavori saltuari prima di unirsi ai Ward e di essere assunto come apprendista ingegnere del suono al King Jammy Studio. Tutti si accorsero delle sua qualità vocali grazie al loro singolo di debutto “Haters”, sul Badda Badda riddim. Il particolare baritono del ragazzo fu una novità nel modo di cantare, al punto che anche Beenie Man volle imitare quello stile nella sua "Has The World Gone Mad", riempiendo di soddisfazione il giovane debuttante.

Mark 'Mean Dog' Henry è il membro più anziano del gruppo ed iniziò la sua carriera musicale come selecta nel Bug Striker sound system. I commenti positivi sulla sua reputazione arrivarono all’orecchio di King che si accorse subito della sua bravura e lo volle immediatamente nel suo sound system, il King Jammy's Hi Power.

Nel 2001 il gruppo lancia il suo album di debutto, "Mentally Disturbed". Il loro approccio alla musica così all'avanguardia, del quale si era potuto già avvertire il sapore nei precedenti riddim, porta una ventata nuova nel genere, proprio nel momento in cui il pubblico sperava in qualcosa di nuovo nella dancehall.

I ventidue brani contenuti nel disco, di cui tre in collaborazione rispettivamente con Elephant Man, Wayne Marshall e Zumjay, raccolgono immediatamente grande successo regalando al gruppo fama e popolarità.

L'intenso impegno nella sperimentazione di nuovi suoni, beats e riddim, è la base di lancio del loro secondo album del 2003 "U Know How We Roll", che contiene una collezione di brani tra cui "No Apologies", "Reggae Pledge" e "Hotta Betta Phatta" che si distinguono grazie al loro marchio di fabbrica, ovvero liriche stravaganti e originali.

Ancora una volta importanti featuring tra cui Vybz Kartel in "Nah Climb", Bounty Killer in "Badda Than Dat" e Daville in "Forget About It". Nello stesso anno partecipano, insieme a tanti altri big giamaicani, al festival per il venticinquesimo anniversario di David Rodigan in Germania.

Diverse le date anche in Giappone, in Canada e negli Stati Uniti esibendosi come gruppo di supporto per artisti del calibro di 50 Cent e Busta Rhymes.

Durante il 2005 il gruppo gira l’Europa in tour su palchi di varie nazioni tra cui Belgio, Olanda, Germania, Romania, Svizzera, Italia e Spagna. Nel 2007 esce "King Of The World", l’ultimo disco in cui è ancora presente Ranaldo che poi lascerà il gruppo l’anno successivo.

Il 2009 è l’anno di "Genesis", con una serie di collaborazioni con T.O.K. in "Funeral Spot", con Tifa in "Bubble Like Soup" e con Elephant Man in "Real Badman".

Nel 2011, i tre artisti danno vita alla Ward 21 Music e iniziano a concentrarsi in maniera ben definita sulle produzioni occupandosi di artisti come DeeWunn, Point O, Ci’K, Tifa, Natalie Storm e Timberlee.

Importante la partecipazione nel secondo album di Major Lazer "Free The Universe", assieme a Partysquad nel brano "Mush Up Di Dance", che riscosse un incredibile successo durante tutto il 2013.

Il 2014 è l'anno del loro quinto album, "Still Disturbed", che li porta direttamente in un tour europeo insieme a Marcy Chin, protagonista nel disco di due featuring, "Mic Magician" e "Wife Versus Mate".

Altre importanti collaborazioni dell'album sono quelle con Sean Paul in "Ben U Back" e Konshens in "Out".

In circa 18 anni i Ward 21 hanno più volte lasciato il segno nella storia della dancehall, provando a se stessi ed al pubblico di essere innovativi, originali e sempre aperti alle novità. I loro album e i loro show si distinguono sempre per qualità e completezza, e le loro produzioni dimostrano di continuo come questo gruppo sia diventato una vera e propria forza musicale.