Nonostante pochi abbiano inizialmente scommesso sulla "principessa della dancehall", lei sta invece dimostrando che "la vita non è ciò che hai, ma è ciò che fai di lei". La nuova scuola della dancehall è rappresentata in maniera molto forte dalla figura femminile. Una delle principali artiste è Latifa Brown, meglio conosciuta dagli appassionati come Tifa.

Tifa nasce il 12 Dicembre del 1983 a Kingston, Giamaica. Come spesso accade, i suoi genitori si separano quando lei è ancora una bambina e così, mentre la madre si trasferisce negli Stati Uniti, lei cresce con la nonna a Duke Street, un quartiere di Kingston, dove nel ristorante di sua proprietà inizia ad ascoltare il reggae e ad avvicinarsi pian piano al mondo della musica, inscenando con sua cugina balletti e piccole competizioni canore.

Fu però alla Wolmer’s Preparatory School che ebbe modo, più avanti, di coltivare al meglio questi interessi artistici partecipando a spettacoli di danza, di canto e di teatro. Sfortunatamente, però, la ragazzina scopre all'improvviso di essere affetta dal morbo di Blount, una malattia delle ossa che causa una progressiva deformità degli arti inferiori.

Così, dopo aver subìto durante il suo ultimo anno di scuola ben tre operazioni chirurgiche (che la costrinsero al ricovero e a sostenere gli esami a letto), ma l'anno successivo riesce finalmente a riprendere gli studi, sebbene non potesse partecipare attivamente a tutti i corsi a causa della sedia a rotelle.

Tirò quindi avanti in maniera un po' discontinua per circa un anno, finchè decise di provare ad entrare nel gruppo di danza Ashe, dove fortunatamente fu ammessa.

Questa cosa fece molto bene alla sua carriera scolastica, perchè fu coinvolta in una serie di attività artistiche con i suoi compagni riuscendo a partecipare a varie attività extrascolastiche (tra cui l'hockey) che le permisero di vincere una borsa di studio per la University Of The West Indies, dove si laureò in psicologia.

Nel 2005 decide di mettere la musica davanti a tutto e inizia a registrare diversi brani per l'etichetta discografica del suo patrigno Sampalue, la Diamond Rush Records, già produttore all'epoca di un'altro conosciutissimo talento femminile della musica reggae e dancehall, Lady Saw.

Tifa inizia così a collaborare con altri artisti appartenenti a quell'etichetta e a fare da corista per un lungo periodo.

Nel 2007 esce "Kitty Police" sullo Show Off riddim per la Tj Records. Nel 2008, grazie al grande successo ottenuto con "Crawny Gal" sul Dem Gal Sitt'n riddim prodotto da Ward 21, gira con loro per un lungo tour Europeo che le fa guadagnare il titolo di prima artista donna reggae/dancehall ad essersi esibita nella Repubblica Ceca.

Nello stesso periodo esce "Bottom Of A Barrel", singolo che resta a lungo ai primi posti delle classifiche dei singoli dancehall.

L'anno successivo, sempre con Ward 21, produce uno dei suoi singoli di maggiore successo, "Spell It Out", che immediatamente scala le vette di diverse classifiche e rimane ai primi posti per settimane.

Escono poi una serie di singoli come "Tick It Like A Clock" sul Boasty riddim di Stephen McGregor, "New Man" sul Mash Up riddim prodotto da Christopher Birch, "Sick" prodotto da Equiknoxx Music, "Boasty Wid It" sullo Style & Swagga riddim prodotto da Ballaz Production e "Why", una ballata dancehall che rivela le ottime doti canore dell'artista, prodotta da Don Corleon sul Feminine riddim.

Anno di fuoco per l'artista, che vince ben cinque premi: Most Improved Artiste all'Excellence In Music & Entertainment Awards, Best New Artiste allo Stone Love, e tre titoli agli Youth View Awards (Female DJ Of The Year, Best Female Artiste e Young, Hot And Hype Female Of The Year).

Tifa viene finalmente coinvolta da quella spirale di successo a cui aveva sempre aspirato. Nel 2010 partecipa ad un importantissimo evento, lo Sean Kingston Coke Zero e registra la cover di un successo di Junior Tucker, "If I Could Fly".

Negli anni seguenti, oltre a cantare su riddim come Cosa Nostra, Pulse, Brain Freeze, Overproof Round 2 e Soca Mixes, Hot Chocolate, Lovebug, Wet Up, TNS, Poolside, Cute Bubble, Moskato e Conquer The Moment, ha partecipato al remix di "How Low" con Ludacris.

Registra una serie di singoli di successo tra cui "Move Ur Body", "Get Flat", "Swaggin", "Make Me Wine", "My Baby", "No One In The World", "Matey Wine", "Good To Be Me", "Destiny", "Niceness", "God Soon Come (Help The Children)", "No Romance Without Finance", "Mi Baby", "Body Up", "Jealous Ova", "Rock My Body", "Tip Fi Di Strip", "The Champ".

Recentemente nominata da Largeup.com tra le prime dieci artiste reggae e dancehall, Tifa compie un grande passo nella sua carriera nel 2014 firmando un contratto con un'etichetta indipendente nordamericana, la Island Kings Records.

Sempre concentrata a dare il meglio di se portando la sua musica in giro per i Caraibi, il Nord America e in tutto il resto del mondo, Tifa è ben determinata a portare il suo successo a livelli estremi.

Il suo sogno sarebbe quello di collaborare con Kanye West e di registrare con Rihanna e Nicky Minaj, così da concentrare tutto il talento caraibico femminile di Barbados, Trinidad e Giamaica in un solo brano. Sarebbe certamente un successo assicurato, per questo non possiamo che sperare nella realizzazione di questo progetto.