Durante il suo periodo musicalmente più florido, Shabba Ranks è stato uno dei personaggi fondamentali del mondo della dancehall. La sua fama crebbe incredibilmente grazie alla sua abilità di unire in un solo stile più generi musicali come il reggae e l'hip hop, duettando con personaggi come Maxi Priest, Johnny Gill e KRS-One. Grazie a questo mix fu presente con singoli e album in molte classifiche R'n'B dei primi anni '90, ma soprattutto fu il primo artista dancehall a vincere un Grammy Award.

Il suo tono di voce così profondo e potente tanto da essere oggetto di imitazione da parte di numerosi artisti, unito alle sue liriche spesso a sfondo sessuale, hanno fatto sì che fosse considerato uno dei maggiori sex symbol in ambito dancehall, ma allo stesso tempo anche un personaggio molto criticato. In ogni caso, Shabba è stato l'artista che ha spianato la strada ad altri personaggi che lo hanno susseguito come Shaggy e Sean Paul.

Rexton Rawlston Fernando Gordon nasce il 17 Gennaio del 1966 a Sturgetown, Giamaica, per poi trasferirsi all'età di otto anni nel ghetto natale di Bob Marley a Kingston, Trenchtown, insieme alla sua famiglia. Già all'età di dodici anni era affascinato dai sound system che suonavano i dischi nei club del posto, e spesso si divertiva a parlare al microfono sulle basi musicali.

Le sue fonti di ispirazione iniziale includevano Charlie Chaplin, General Echo, Brigadier Jerry, Yellowman e in particolar modo Josey Wales. Tenta, ogni qualvolta sia possibile, di esibirsi in piccoli show e inizia a lavorare nei primi anni '80 con Admiral Bailey e il Roots Melody sound system dove, in coppia con un selecta chiamato Navigator, iniziò ad esibirsi con il nome di Co-Pilot e incide il suo primo singolo, "Heat Under Sufferer's Feet", nel 1985.

Cambierà presto il suo nome in Shabba Ranks, attirando l'attenzione del suo idolo Josey Wales che decide di prenderlo sotto la sua ala protettiva e di presentarlo ai produttori del King Jammy studio, con i quali registra il suo primo singolo "Original Fresh".

Collabora con Chaka Demus e registra molti altri singoli, nessuno dei quali tanto innovativo da procurargli il tanto ambito successo. Fu "Needle Eye Punany" del 1988 il brano che segnò l'inizio della sua popolarità per i riferimenti sessuali dei suoi testi che nel giro di pochi mesi gli diedero una notevole notorietà in tutta la Giamaica.

Ancora più decisivo fu per l'artista lavorare direttamente con il produttore e ingegnere del suono del King Jammy, Bobby Digital, nel suo nuovo studio (e omonima etichetta) Digital B, nel 1989. La chimica tra i due, che già avevano condiviso varie esperienze musicali, fu talmente immediata che Shabba raccolse subito i frutti di questo cambiamento, balzando letteralmente nel mondo delle celebrità con una serie di singoli e incredibili show dal vivo (durante uno dei quali l'artista arriva sul palco addirittura in elicottero).

Tra il 1989 e il 1991 Shabba registra una cinquantina di singoli, principalmente con Bobby Digital ma anche con produttori come Gussie Clark e Stevie & Clevie: tutti i suoi brani diventano immediatamente delle hit. Tra i più importanti ricordiamo "Wicked Inna Bed", "Roots And Culture", "Live Blanket", "Mama Man" e "Peeny Peeny".

Il suo album "Rappin’With the Ladies" presenta una serie di cover di cantanti donna e la sua versione di "Telephone Love" di J.C Lodge raccoglie numerosi assensi anche oltreoceano, soprattutto nel Regno Unito.

Nell'89 con il produttore Gussie Clark lancia l'LP "Holding On", che genera una serie di hit come "Pirates Anthem" (in collaborazione con Cocoa Tea e Home T), "Twice My Age" (in duetto con Krystal) e "Mr. Loverman" (una nuova versione del brano di Deborah Glasgow "Champion Lover").

Registrerà altre tracce nello stesso periodo con Cocoa Tea e Home T, tra cui "Who She Love", "Stop Spreading Rumours" e "Your Body's Here With Me".

Anche l'album seguente "Golden Touch" ebbe grande successo nel Regno Unito con brani come "Mi Nuh Romp With It", "Love Up Your Woman", "Build Bridges Instead", "House Husband" e "Private Property" (con Brian & Tony Gold). Nel 1991 questa fiorente popolarità lo portò a firmare un contratto con la sua prima importante etichetta, la Epic, con la quale esce il suo sesto album, "As Raw As Ever", che lo portò alla ribalta e ai primi posti delle classifiche RnB con il brano "Housecall", in duetto con Maxi Priest.

Anche il duetto con KRS-One, "The Jam", conquistò i primi posti nelle classifiche dei singoli hip hop del 1992. Fu anche grazie a questi successi che l'album fu premiato con un Grammy come miglior album reggae dell'anno.

Verso la fine del '92 "Mr.Loverman" fu riproposta come singolo negli Stati Uniti e fu introdotta nella colonna sonora del film "Deep Cover", posizionandosi direttamente al secondo posto della classifica RnB di quell'anno.

Nell'ottobre dello stesso anno uscì un'altro album, "X-Tra Naked", che conteneva brani del calibro di "Ting-A-Ling", "Slow And Sexy" (con Johnny Gill), "Will Power", "Muscle Grip", "Rude Boy", "Cocky Rim", "What 'Cha Gonna Do" (con Queen Latifah) e "Bedroom Bully". Anche questo disco ebbe un successo grandioso, al punto di far vincere a Shabba un secondo Grammy.

Un periodo brillante per l'artista, al punto che ben due compilation di sue famosissime hit, "Rough & Ready, Vol 1" e "Mr. Maximum" entrarono entrambe nelle classifiche americane.

Il '94 fu l'anno del suo contributo musicale alla colonna sonora del film "La Famiglia Addams", con una versione mista tra rap e reggae di "Family Affair", la famosa hit di Sly & The Family Stone.

Nel 1995 completò la registrazione del suo terzo album con la Epic, "A Mi Shabba" che però, pur lanciando brani come "Ram Dancehall", "Let's Get It On", e "Shine Eye Gal" (con Mykal Rose) non replicò il successo degli album precedenti, costringendo Shabba a rimanere un pò lontano dai riflettori per alcuni anni.

Fece ritorno in Giamaica per registrare altri brani con King Jammy verso la fine degli anni '90, alcuni dei quali furono inseriti nell'album "Get Up Stand Up" del 1998. Da quel momento non ci furono più eclatanti proposte dalle principali etichette, ma la Sony ha lanciato diverse compilation con i suoi brani all'inizio del nuovo millennio.

Va assolutamente ricordata "None A Dem" sul Pepper riddim prodotto da Stephen 'Di Genius' McGregor nel 2012, suonatissima nelle dancehall di tutto il mondo, ed il clamore che nell'estate del 2012 ha suscitato il suo ritorno in Giamaica dopo 11 anni: centinaia di fan lo hanno aspettato e celebrato all'aeroporto di Kingston al suo arrivo, e 'King' Shabba divenuto 'Emperor' dopo aver visitato la sua terra ha partecipato all'International Night del Reggae Sumfest.

Quest'artista ha segnato non solo una svolta importante nella storia della dancehall ma è diventato, grazie ai suoi brani e alla sua particolare voce, uno degli artisti che ai giorni nostri ancora si suonano, si ballano e si ascoltano con piacere.

Un personaggio fondamentale per il genere che tanto amiamo, al quale possiamo soltanto dire una parola: grazie.